Etiopia e caffè

0
46

Miscela Di Montagna

Il caffè è il dono dell’Etiopia al mondo e il vero livellatore della vita, apprezzato dai ricchi e dai poveri. Rosemary Barron esplora le preziose e naturali risorse del paese.

Assapora una tazza di caffè aromatico, scuro e forte, nel villaggio di Manyate alla periferia dell’Etiopia’s Bale Mountains National. Il caffè (coffea arabica) qui cresce spontaneamente e i locali sanno esattamente come prepararlo. In un tulu sankate (casa dal tetto di paglia tradizionale), Munisa Usman prepara il caffè con i chicchi raccolti in una foresta – tostati con un pestello di legno e versato insieme all’acqua nella tradizionale brocca di argilla dal collo allungato, la Jebena. Questa cerimonia, simbolo di ospitalità ed amicizia e parte essenziale in ogni trattativa con gli altri. Munisa offre la prima tazza piccola (abole) ai suoi ospiti e agli anziani, ricarica la jebana con acqua e prepara una seconda volta (tona) e una terza (baraka). Questo rito prevede che il caffè venga servito a tutti gli ospiti per ben tre volte utilizzando i “Fingiàn”, tazzine senza manico dai colori molto accesi. La terza tazza di caffè rappresenta una benedizione per l’ospite.

Le montagne di Bale si trovano a 400 km a sud-est di Addis Abeba, a vibrante capitale dell’Etiopia ai margini della Great Rift Valley in Africa. La strada a sud della città, conosciuta come “la strada dei laghi”, ti porta attraverso Oromiya, il più grande dei nove stati del paese. Presto, grappoli di case tradizionali e alte pile a cupola di teff (un grano) circondato da recinzioni a spazzola protettiva appaiono accanto all’ autostrada a due corsie. I conducenti locali sono abili a indovinare la direzione che gli asini, le capre e il caratteristico animale zebù con gobba prenderanno; agli animali si assegna il diritto di precedenza.

I piccoli hoteela (hotel) costeggiano l’autostrada mentre si attraversano i grandi insediamenti. Molti offrono piatti semplici come filetti di pesce fritti in pastella e cosparsi di piccoli semi di nigra (mostarda nera); cavolo cotto con aglio, fagiolini verdi, barbabietola rossa, peperoncini piccanti, sono onnipresenti nelle ciotole.

Restiamo una notte al confine del Lago Langano al Bishangari Lodge, dove lo chef Ararsa Henbeta mi dice: “Sono cresciuto a 40 km di distanza, quindi ho familiarità con i cibi locali. Tuttavia, non avevamo un lago nelle vicinanze, quindi ora mi piace cucinare sia la tilapia che il nostro. manzo, con le spezie. Mi piace anche la gamma di alimentinche crescono qui – mango e papaya tropicali, carote fresche e cetrioli. E il nostro miele selvatico è oro “, dice, mentre punta verso un alveare a forma di botte tra i rami di un albero. Il giorno dopo ci svegliamo in tempo per assistere all’alba ai giochi delle scimmie, di grandi buceri dal becco giallo – conosciuti localmente come volanti banane – e ippopotami prima di continuare il nostro viaggio.

Il martedì è giorno di mercato nel villaggio di Rira. Dopo aver comprato miele, spezie e bracciate di tukur goman (una foglia scura ricca di ferro), assaporiamo piatti di orzo macinato mescolato con burro, patate speziate alla curcuma, chechebsa (kita tagliuzzata servita con miele e burro leggermente acido) e tazze di caffè aromatico a Harenna Hoteela. Sulla via del ritorno al lodge, ci fermiamo a prendere del timo grazioso e fragrante (tosign) da asciugare per il tè. Questo ambiente glorioso e fragile è la patria di molte rare specie di rettili, roditori, anfibi, uccelli, leoni, scimmie e farfalle squisitamente modellate. È anche sede di uno dei cibi più amati del mondo, il miele selvatico. La raccolta è un’attività comunitaria. Gli alveari legati al bambù, posizionati in alto tra gli alberi, sono spesso difficili da raggiungere. Tre uomini aiutano Said, un esperto raccoglitore di miele, a raggiungere gli alveari. Si tira una corda spessa su di un ramo sopra l’alveare. Un altro accende un grande fascio di erba secca, fumante mentre Said scala l’albero. Col fumo le api se ne vanno e si può tirare fuori il miele. Il sapore del miele selvatico varia a seconda del fiore: hagenia abyssinica (palissandro dell’est africano) è un albero popolare per alveari; quello del caffè è il preferito – e di solito viene raccolto due volte all’anno (Dicembre e Maggio). Dopo questo pericoloso lavoro, potrei solo dire ‘amansekanado’ (grazie o, letteralmente, ‘Ti lodo’) e stringere la mano appiccicosa di Said. La ricerca dimostra che il caffè è salutare quando viene coltivato biologicamente, lavorato senza additivi e bollito – esattamente il modo in cui i magici chicchi vengono prodotti e apprezzati in Etiopia.

Rosemary Barron e Ulf Svane si sono recati in Etiopia per concessione di Bale Mountain Lodge e Ethiopian Airlines.

balemountainlodge.com ethiopianairlines.com/UK/EN