Ristorante giapponese Izu, in Porta Romana a Milano per  un magico ed affascinante  viaggio culinario tra Cina, Giappone e Oriente. Ambienti semplici, con luci soffuse, creati dall’ architetto Simone Nisi Magnoni che ha sapientemente coniugato il design contemporaneo con la tradizione del Sol Levante. Il nome del ristorante è quello di una penisola giapponese, rinomata sia per la sua bellezza paesaggistica che per l’attività peschereccia.

La nostra è una cucina sempre in movimento, ricerchiamo accostamenti inediti per proporre nuovi piatti“, racconta Jin Hu, il giovane titolare. La sua filosofia? “Trasmettere a tutti la passione che anima Izu, attraverso il cibo e le persone: un’esperienza a 360 gradi che coinvolge e nutre corpo, mente e spirito“.

izu_atmosfera
Ambiente interno

La  cucina di Izu è basata principalmente sul pesce, che arriva fresco tutti i giorni, persino di domenica. Il pescato del giorno viene proposto in delicate declinazioni che vanno dai crudi alle tartare, dal sushi al sashimi: crudités e fuori carta a base di gamberi rossi di Mazara del Vallo, aragoste, scampi di Sicilia con essenza al passion fruit. Piatti sempre nuovi e accostamenti inediti e insoliti arricchiscono il menù, come ad esempio nigiri di ventresca di tonno scottata con foie gras e menta o il sushi di piovra con salsa delicata alla rucola e pinoli.

tonno_scottato
Tonno scottato
sushi_e_sashimi
Sushi e Sashimi
sushi_6
Sushi

Non mancano piatti audaci, come la tartare di branzino spicy nel gunkan con zucchina scottata. Il ristorante è il luogo ideale anche per chi ama gli uramaki, che vengono proposti in modo davvero particolare: dal Malibu con gamberone al vapore, avocado, salsa allo zafferano e pomodorini ciliegini al Soft Shell Crab con tempura di granchio morbido, passando per il Cosmopolitan, creato dallo chef con il pescato del giorno.

sushi_5
Sushi
sushi_3
Sushi

Altra specialità sono i temaki. La grande novità dello chef è il cono a base di sfoglia di soia: un morbido impasto che cambia colore a seconda dell’ingrediente aggiunto in ricettazione (arancione con le carote, verde con le erbette delicate, più scuro con sesamo bianco e nero). Accostamenti nuovi, ricercati e impensabili che incuriosiscono  l’occhio e inebriano  il palato.

Resteranno soddisfatti non solo gli amanti delle crudités, ma anche chi preferisce i cibi cotti nei modi più diversi: pesce o carne cucinati su pietra lavica, nella leggerissima frittura giapponese, nel cartoccio o al vapore.

La pasta fresca viene fatta in casa, sia che venga poi saltata in padella o servita in brodo: da perdersi tra gli Izu Ramen (tagliolini di riso in brodo secondo la ricetta del giorno), i Tempura Soba (spaghetti di grano saraceno in brodo con tempura di gamberoni e verdure fritte), i gustosi Fusion Udon (spaghetti di riso con dadolata di gamberi, verdure, zafferano e curry leggermente piccanti), gli originali Mojito Ramen (tagliolini di riso mantecati alla menta con gamberi, zeste di lime e lemon grass) e gli Ebi Yaki Soba (spaghetti di grano saraceno con gamberi e verdure).

Izu ha impreziosito la Japanese creative experience con una drink list d’autore. Firmata dall’esperto bartender Arturo Pappalardo, mago della molecular mixology (ex bartender del Davai). Ecco allora originali signature cocktail proposti in abbinamento ai piatti, appositamente studiati per accompagnare l’offerta gastronomica del ristorante.

cocktail_2 cocktail_1

In abbinamento a sushi e sushimi, l’Umami Experience o il Waiting Sunset, un mix a base di Bitter Campari, vodka, passion fruit fresco, succo d’arancia, bitter homemade di pepi e peperoncini dal mondo, olio di sesamo e polvere di pepe (senza zucchero, dolcificato con boccioli di dushi, i cosiddetti fiori del miele). In abbinamento a piatti come il salmon teriyaki, il Vanilla Sky, originale e sorprendente rivisitazione del Mojito: un cocktail a bassa gradazione alcolica che mescola alla perfezione zucchero a velo, lime, sake, menta, ginger beer, zenzero fresco e vaniglia. Verrete conquistati dal suo gusto fresco, con note floreali che lo rendono leggero e piacevole. Ottima anche il The Ritual, cocktail da pasteggio a base di matcha green tea, preparato con le stesse ritualità  giapponesi del tè.

IZU – Sushi – Creative Japanese Fusion Restaurant Milano

Corso Lodi, 27, 20135 Milano

02 5990 0221
j.izu82@gmail.com
www.sushi-izu.it