Venezia

Ricca di storia, un’architettura incredibile, questa città non manca mai di sedurre i suoi ospiti. Salite a bordo di una gondola, o perdetevi tra le labirintiche strade della città…

Perchè andare?

Febbraio può essere un ottimo momento per esplorare Venezia. Il Carnevale nelle prime due settimane del mese accende la città con il teatro e lo sfarzo, non facendo nemmeno più sentire il freddo invernale. Questo carnevale riporta in vita l’opulenza del passato con le sue magnifiche feste in costume – sia all’interno che all’esterno delle piazze.

Un canale a Venezia ©adobestock

Cosa fare

I primi abitanti di Venezia furono gli abitanti dei villaggi in fuga dalle orde barbariche del V secolo, e il sale e il pesce erano le loro uniche risorse in questa città un tempo inospitale. Secoli dopo, il commercio di tappeti orientali, profumi, argenteria, pietre preziose e spezie aveva trasformato le isole. Con le loro navi che navigavano liberamente a Bisanzio, i mercanti veneziani ricavavano enormi profitti e cominciarono ad edificare palazzi e chiese gloriose. Il resto d’Europa invidiava il loro stile di vita e le loro ricchezze; la “signora del Mediterraneo” divenne leggendaria per i suoi piaceri terrestri. Dopo il Carnevale la città torna alla normalità ed è molto meno affollata. Esplorando i piccoli vicoli della città, ti imbatterai presto in una chiesa in stile lombardo, in un palazzo gotico o in un cortile medievale. Piazza San Marco è semplicemente stupefacente con la sua basilica bizantina, 00 39 041 270 8311, basilicasanmarco.it – assicurati di salire sul campanile per una vista stupenda sulla città. Il Palazzo Ducale, 00 39 041 271 5911, visitmuve.it, è noto per le sue sale elaborate e grandiose, mentre l’imponente Museo Correr, 00 39 041 240 5211, è dedicato alla storia della città e ai dipinti del Rinascimento. Altre opere da non perdere sono nella Galleria dell’Accademia, 00 39 041 5200345, gallerieaccademia.org, un tesoro di opere di Bellini, Tintoretto e Veronese, e la Collezione Peggy Guggenheim, 00 39 041 240 5411, guggenheim-venezia.it, con pezzi di Picasso e Kandinsky. Prendi il vaporetto (vaporetto) lungo il Canal Grande e fai una sosta al Ponte di Rialto e al suo mercato colmo di frutta e verdura.

Dove alloggiare

Ci sono molti cinque stelle in città, come Gritti Palace, 00 39 041 794 611, thegrittipalace.com, uno splendido palazzo del XV secolo sul Canal Grande. Una recente ristrutturazione riafferma il suo status iconico. Se invece preferite il Marriott Venice, 00 39 041 8035 906, marriott.co.uk, ricordatevi di controllare i periodi di apertura. Ha il più grande centro benessere in città e camere ultra-moderne ma eleganti. Un boutique hotel con 29 camere Ca ‘Pisani, 00 39 041 240 1411, capisanihotel.it, brilla con decori e mobili in stile Art Deco.  Se invece siete alla ricerca di un piccolo B&B adatto però a un doge, provate Settimo Cielo, 00 39 342 636 2581, settimocielo -venice.com in San Marco. I suoi bei tocchi di broccato, tessuti pregiati e mattoni a vista creano un fascino unico.

Dove mangiare e bere

A Venezia aperitivo significa uno “spritz” in uno dei numerosi bar attorno al Ponte di Rialto, o un Bellini nell’affascinante Harry’s Bar, 00 39 041 528 5777. Per le tapas veneziane, scopri un bacari tradizionale, come l’Osteria alla Botte, 00 39 041 520 9775. Il ristorante Oniga, 00 39 041 522 4410, oniga.it, è un vero locale del quartiere di Dorsoduro, ed è specializzato principalmente in pesce fresco dell’Adriatico. Eccellente anche la carne. Anche per i vegetariani una vasta scelta di piatti. Il menu stagionale cambia quotidianamente. Se siete a Venezia nel mese di dicembre non potete non provare le schie (piccoli gamberi catturati alla laguna disponibili solo in questo mese). Il costo a portata è di circa 14 Euro. Da Fiore, 00 39 041 721 308, dafiore.net, è la celebre istituzione stellata Michelin famosa per il suo risotto. Se volete portare con Voi al ritorno alcuni regali gastronomici, fate scorta di crostate di marroni e di frittole (ciambelle con pinoli, uvetta e scorza d’arancia candita) presso la panetteria Tonolo a Dorsoduro, oppure dirigetevi verso VizioVirtù, 00 39 041 275 0149, viziovirtu.com, per acquistare bizzarri ma deliziosi cioccolatini e pasta al cacao.