Diana Roma
Diana Roma

Da mercoledì 27 maggio per serate all’aria aperta nel giardino fiorito sui tetti della città

Da mercoledì 27 maggio la città di Roma torna ad offrire una delle sue magiche terrazze per le serate estive: apre, infatti, il roof garden l’Uliveto, un vero e proprio giardino a cielo aperto con vista sulla città, un salotto nel verde, diventato il fiore all’occhiello dell’Hotel Diana, a pochi passi dal Teatro dell’Opera.

L’apertura al pubblico è prevista tutti i giorni dalle ore 17 fino alla mezzanotte con il cocktail bar, e con la possibilità di gustare una cena con proposte dedicate dalle 19 alle 23.

“Nel periodo di emergenza abbiamo deciso di non chiudere il nostro albergo, sia pur con grandi sacrifici, per poter offrire un alloggio ai pochi che necessariamente viaggiavano per lavoro e alcuni ospiti hanno anche iniziato a scegliere le nostre camere ad uso ufficio” – ha dichiarato Carlo de Angelis, Amministratore dell’Hotel Diana e Presidente degli Alberghi storici di Roma.

“Ora è la volta di aprire i cancelli del nostro giardino segreto, per offrire alla città un luogo di evasione, in assoluta sicurezza” – prosegue Caterina De Angelis, responsabile della ristorazione e delle iniziative speciali all’Hotel Diana. “Il desiderio di tutti oggi, è quello di ritrovare il tempo all’aria aperta e la nostra terrazza è a disposizione della città.”

L’Uliveto Roof Garden rispetta tutti i parametri oggi necessari, dalla sanificazione al distanziamento, dall’allestimento dei tavoli al menu, con le diverse aree, che comunque permettono naturalmente il distanziamento necessario che sia per un cocktail o una cena, oltre alla tranquillità desiderata: particolarità unica la torretta riservata dove poter organizzare anche una romantica cena a due, in assoluta privacy e sicurezza.

I piatti proposti nel menu curato dallo Chef Alessandro Pinca rispettano la tradizione e i prodotti del territorio con i classici taglieri, le pinse e i fritti e specialità come i ravioli farciti con ricotta ed erbette con pomodorino Torpedino di Sabaudia del Lazio e bufala artigianale di Fondi strappata a mano, la calamarata con spigola del litorale laziale, melanzane a cubetti e provolone di Formia, il roast-beef di bovino adulto laziale “Marango” alla senape e patate delle campagne laziali al forno, i burger, i piatti vegani e i dolci.

L’Hotel Diana di Roma, che ha da poco superato il suo 81° compleanno, deve la sua storia alla lungimiranza del fondatore, Benedetto De Angelis, noto anche per aver portato per primo i turisti con il “torpedone” in giro per la città e in gite fuori porta fino a spingersi a Pompei, Sorrento e Capri, meritando la cittadinanza onoraria di Sorrento.

L’Hotel Diana di Roma è oggi un’azienda che riconosce l’importanza della famiglia, quale valore fondamentale dell’esistenza e pilastro di una vita di relazione che si manifesta in tutti i campi dei rapporti umani, etico, religioso e lavorativo.