Antonio Guida è il punto di riferimento dei palati più raffinati della Milano cosmopolita ed effervescente. Sublime sintesi dell’eccellenza: dalla qualità della materia all’estetica ricercata ma mai di maniera, ‘modus in rebus’ dicevano i latini! Perfetto equilibrio, lungo percorsi sensoriali sempre appaganti e sorprendenti ben ancorato a radici culturali trasversali che non tengono conto di confini regionali e nazionali.


Uno degli chef più acclamati d’Italia, Antonio Guida subisce da sempre il fascino delle alchimie culinarie. Nato in Puglia, a Tricase, nel 1972, inizia la sua carriera come commis di cucina nel 1998, per poi viaggiare a lungo in Europa e in Asia, lavorando presso importanti ristoranti stellati, tra cui Pierre Gagnaire a Parigi, l’Enoteca Pinchiorri a Firenze e Don Alfonso di Sant’Agata sui due Golfi, prima di approdare a La Terrazza dell’Hotel Eden di Roma. Dopo due anni e dopo aver ottenuto il ruolo di Chef de Cuisine, nel 2002 diventa Executive Chef de Il Pellicano, dove si aggiudica due stelle Michelin, nel 2004 e nel 2010.

Dopo 12 anni al timone de Il Pellicano, lo chef Guida viene nominato Executive Chef del nuovo Mandarin Oriental di Milano, dove attualmente esprime la sua arte culinaria in una delle maggiori città d’Italia. Grazie al suo talento e alla sua leadership, Seta, il ristorante gourmet dell’hotel, ottiene la prima stella Michelin nel 2015, a soli quattro mesi dall’apertura, raddoppiando il successo con la seconda stella Michelin appena un anno dopo, nel novembre 2016.

Lo chef è riuscito a creare anche un valido team che lo affianca. L’Executive Sous Chef Federico Dell’Omarino è il braccio destro di Guida dal 2002 e lo aiuta a sviluppare ulteriormente le sue idee di cucina innovativa. Altrettanto importante è il contributo del Pastry Chef Nicola Di Lena, che dal 2006 firma il finale perfetto per gli itinerari culinari di Antonio Guida. L’esperienza non potrebbe però definirsi completa senza un’eccellente brigata di sala, che garantisce che la filosofia dello Chef Guida si traduca nel servizio impeccabile che gli ospiti conoscono.

MANDARIN ORIENTAL

Il Mandarin Oriental, Milan propone una ristorazione articolata, realizzata e orchestrata dal pluripremiato executive chef Antonio Guida, affiancato dal suo team di fedelissimi: l’Executive Sous Chef Federico Dell’Omarino e il Pastry Chef Nicola Di Lena. Al ristorante Seta, due stelle Michelin, lo chef propone il suo menù gastronomico mentre al Mandarin Bar & Bistrot l’offerta varia a seconda del momento della giornata, dalla prima colazione all’aperitivo e al dopocena. Il ristorante Seta, a cui si accede dal Mandarin Bar & Bistrot e da un’entrata dedicata al numero 18 di via Monte di Pietà e che accoglie circa 50 coperti, occupa gli spazi esterni della seconda corte e si snoda, per la parte interna, lungo due dei quattro lati che la circondano: gli interni si saldano e fondono con la zona all’aperto attraverso finestre dalle grandi vetrate. Anche la cucina, situata nel ‘terzo lato’ della corte si affaccia sull’esterno così da consentire agli ospiti di intravedere gli chef al lavoro e, a quest’ultimi, di avere un contatto visivo costante con gli ospiti in sala. Le due aree interne del ristorante riprendono ed esaltano lo stile residenziale dell’albergo grazie all’uso del legno per i pavimenti e i soffitti e le sedie dei tavoli ricoperte in tessuti dalle nuance verdi che si abbinano alle sfumature dei marmi utilizzati per gli stipiti.

Interno Seta
Interno Seta

Alcuni angoli della sala sono separati da elementi architettonici divisori che creano spazi riservati per cene defilate. Una saletta privata situata vicino alla reception del ristorante accoglie fino a 8 ospiti in un ambiente raccolto e ovattato, rivestito con boiserie di rovere e affacciato direttamente su via Monte di Pietà: qui è possibile organizzare party privati e board meeting con menù creati ad hoc dallo chef.

Astice Blu arrosto con zabaione al passito di Loazzolo, miso bianco e tè Matcha

La proposta gastronomica creata da Antonio Guida per il ristorante gourmet, rappresenta la sublimazione della sua filosofia di cucina, che fonde forti radici pugliesi a influenze provenienti dalle sue esperienze pluriennali in Francia e in Toscana. Il menù del Seta è la sintesi di tale conoscenza e si compone di piatti elaborati dove, attraverso raffinate tecniche di preparazione, la qualità delle materie prime viene esaltata e gli ingredienti sono lavorati dal talento dello chef secondo una mentalità tutta italiana per cui la preservazione dei sapori e l’immediatezza del gusto sono al centro della scena. Puntando su accostamenti equilibrati, sorprendenti e spesso inediti, ogni proposta è un’immersione e una scoperta che prepara alla successiva. Nel menù degustazione gourmet il “viaggio” è guidato e si articola in sette tappe. mandarinoriental.com/milan