CONDIVIDI

I vini dell’Azienda Agricola Terzini di Tocco da Casauria, in provincia di Pescara, sono il frutto di una storia millenaria e fanno della bellezza incontaminata del territorio in cui nascono il loro punto di forza, rivelando profumi e sapori che rimandano a tradizioni profonde, forti e decise come il nettare di famiglia

‘La storia ci insegna a coltivare buone idee. La passione a realizzarle’. La filosofia della famiglia Terzini è orgogliosamente sintetizzata in questa frase che racchiude in sé millenni di esperienza e forte legame con un territorio, quello Casauriense, da sempre vocato alla cultura del vino, come del resto gran parte dell’Abruzzo, in particolar modo dopo il periodo della dominazione romana.

Il simbolo che raffigura un’aquila, logo aziendale della famiglia Terzini (Foto: Terzini)

L’area intorno al borgo di Tocco da Casauria ha rappresentato praticamente il fulcro vitivinicolo dell’intera regione abruzzese fino ai primi del Novecento, rivelandosi da subito il più consono all’allevamento della vite, grazie alla sua posizione geografica ottimale caratterizzata dai forti venti che attraversano le vicine Gole dei Tre Monti (il Morrone, la Majella e il Gran Sasso) e che consentono ad un terreno particolarmente poroso, in cui le acque non restano in superficie e i torrenti scavano profondi Canyon, di rimanere asciutto. La ventilazione temperata della vallata, una significativa escursione termica tra il giorno e la notte e la ricchezza di corsi d’acqua, boschi e flora selvatica rappresentano le condizioni pedoclimatiche ideali per praticare una viticultura di alta qualità.

Il borgo di Tocco da Casauria incastonato nelle Gole dei tre Monti (Foto: Terzini)
Un bellissimo vigneto di proprietà della famiglia Terzini (Foto: Terzini)

Tocco da Casauria gode inoltre di una felice posizione collinare che ha spinto la comunità locale ad investire nella produzione di energia eolica (attraverso l’installazione di quattro pale eoliche) secondo principi di eco-compatibilità che hanno caratterizzato una politica ambientale e un rispetto della natura da sempre radicati nello spirito dei suoi abitanti ed elogiati anche a livello internazionale, come nel caso del New York Times che il 28 settembre 2010 ha dedicato un prestigioso articolo a firma della giornalista Elisabeth Rosenthal.

La famiglia Terzini al completo, durante l’evento ‘Terzini Wine Lovers’ del 25 aprile scorso; da sx: il signor Aldo Terzini, Roberto Terzini, la signora Esperanza Aparecida Afonso Perez e Domenico Terzini (Foto: Angelo Foti)

La forza produttrice dell’Azienda Agricola Terzini si basa soprattutto sui propri vigneti e i loro frutti, dislocati in vari punti del territorio Casauriense, divenuto dall’ottobre 2010 ‘Sottozona Casauria Doc’ o ‘Terre di Casauria Doc’ con D.M. 5/10/2010 pubblicato in G.U. n.240 il 13/10/2010, un riconoscimento che testimonia la biodiversità propria del territorio, caratterizzato da un verde intenso in cui sono immersi tutti i vigneti, circondati dai monti la cui aria è particolarmente ricca di profumi tipici di spezie e fiori.

L’area geografica vocata alla produzione di questa sottozona comprende la fascia collinare interna e pedemontana della provincia di Pescara, caratterizzata da un paesaggio ondulato quasi pianeggiante, da versanti rotondeggianti con limitate pendenze e delimitata a sud-ovest dal massiccio della Maiella e a nord-ovest da quello del Gran Sasso. Il toponimo ‘Casauria’ fu noto in epoca medievale per via del fatto che identificava il territorio scelto per la costruzione del monastero di San Clemente a Casauria, secondo la volontà dell’imperatore Ludovico II che acquistò le terre nell’anno 871.

Vigneti completamente immersi nel verde (Foto: Terzini)

 La zona qualitativa di produzione comprende i terreni di tutti o parte dei territori dei Comuni di Alanno, Bussi sul Tirino, Bolognano, Brittoli, Castiglione a Casauria, Corvara, Cugnoli, Lettomanoppello, Manoppello, Pescosansonesco, Pietranico, Popoli, Scafa, San Valentino, Serramonacesca, Tocco da Casauria, Torre de’ Passeri e Turrivalignani. Per i nuovi impianti e reimpianti a filare è prevista una densità non inferiore a 2.500 ceppi per ettaro in coltura specializzata, ad eccezione degli impianti e dei reimpianti a pergola abruzzese, per i quali non deve essere inferiore a 1.600 ceppi per ettaro.

Il vino a Denominazione di Origine Controllata Montepulciano d’Abruzzo ‘Sottozona Casauria’ o ‘Terre di Casauria’ deve essere invecchiato per un periodo minimo di 18 mesi (di cui almeno 9 mesi in botti di legno) ed affinato in bottiglia per almeno 3 mesi. Il periodo di invecchiamento decorre dal 1° novembre successivo all’annata di produzione delle uve. La menzione ‘Riserva’ deve essere sottoposto ad un periodo di invecchiamento minimo di 30 mesi (di cui almeno 9 mesi in recipienti di legno) e ad un periodo di affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi. Anche per la ‘Riserva’ il periodo di invecchiamento decorre dal 1° novembre successivo all’annata di produzione delle uve.

I vigneti della famiglia Terzini si trovano in vallate e lungo dolci pendii che caratterizzano un territorio incontaminato (Foto: Terzini)

L’azienda agricola della famiglia Terzini vanta ben 60 anni di storia, da quando cioè fu fondata dal signor Domenico Terzini e sua moglie, la signora Dora Iacuone, occupati con grande successo nel settore della distribuzione di frutta e verdura e fedeli a valori quali lealtà, sacrificio e passione famigliare che il loro figlio Aldo ha poi sapientemente trasmesso alla terza generazione rappresentata dai due figli Domenico e Roberto. La gestione aziendale continua ad essere a carattere famigliare, nel pieno rispetto delle passioni e delle caratteristiche di ogni componente; dal management alla produzione e commercializzazione, ognuno trova spazio per mettere in campo le proprie competenze e la propria esperienza, sia di vita che professionale.

Il signor Aldo Terzini in un nuovo vigneto di proprietà in allestimento. Instancabile. (Foto: Terzini)

Il signor Aldo Terzini (classe 1952) cresciuto nel mondo dell’agricoltura, è un grande esperto sia nel commercio della frutta (essendo stato anche socio della ‘Società Cooperativa Ortofrutticola Abruzzese’) che nei corretti metodi di lavorazione dei terreni, soprattutto quelli maggiormente vocati alla coltivazione dell’uva e quindi alla produzione di vino. Dopo aver trascorso molti anni nel settore della vendita, il suo apporto è oggi fondamentale nell’apparato commerciale, svolgendo il suo lavoro con passione e totale coinvolgimento; sempre attento al bisogno altrui, incarna alla perfezione il fondatore spirituale della Cantina, sostenendo da sempre con devozione la sua famiglia e convinto che la qualità del prodotto e del servizio offerti, nonché il lavoro di squadra, siano fondamentali per raggiungere il successo.Domenico Terzini (classe 1983), un diploma come Perito meccanico in tasca e Agronomo dell’azienda di famiglia, grande appassionato della campagna, della natura, di cavalli, di sport e motori (le ultime due passioni lo accomunano a suo padre), si dedica da sempre alla lavorazione dei terreni di proprietà, alla produzione del vino e ai rapporti con i fornitori, ricoprendo il ruolo di titolare e legale rappresentante. Molto concreto ed attento a quelli che sono i fatti e non le parole, non nasconde la sua ambizione ed esigenza nell’ottenere un prodotto di grande qualità e quindi competitivo sul mercato.  Fu Domenico nel 2009 a decidere che era arrivato il momento giusto per trasformare la vocazione di famiglia per la coltura delle uve in un marchio che facesse dell’alta qualità la sua bandiera poiché, fino a quel momento, la maggior parte delle uve prodotte veniva venduta alle cantine presenti sul territorio. Decisione saggia, considerando l’ottima esposizione solare delle colline, le forti escursioni termiche e la costanza del vento; non a caso trattasi di una sottozona Doc.

Roberto Terzini (classe 1987), una Laurea in Scienze Giuridiche Economiche e Manageriali dello Sport in tasca, lavora da sempre nel settore commerciale e le sua grandi passioni sono il Network Marketing e, alla pari di suo fratello, lo sport, i motori e i cavalli. La sua grande curiosità lo porta sin da giovane ad interessarsi a degustare, a ricercare novità e ad imparare quanto più possibile, sempre pronto a cogliere ogni opportunità che si presenti: doti che hanno fatto di lui il Responsabile Commerciale, curatore delle pubbliche relazioni, ma anche il motivatore e trascinatore dei suoi collaboratori nel raggiungimento della loro realizzazione.

I fratelli Roberto e Domenico Terzini, rispettivamente Direttore Commerciale e Responsabile di produzione (Foto: Angelo Foti)

La giovane età dei due fratelli Terzini è sinonimo di dinamismo, intraprendenza e voglia di raggiungere obiettivi importanti, seguendo gli insegnamenti delle generazioni che li hanno preceduti in un territorio verde e generoso che ha insegnato loro a vivere una vita sana e dinamica nel rispetto dell’uomo e della natura. In questo rapporto tra un vino di alta qualità prodotto dall’uomo e la bellezza di madre natura, la famiglia Terzini è convinta che bere moderatamente e soprattutto bere dei vini autoctoni ottenuti con metodi tradizionali sia una formula che aiuta a vivere meglio e più a lungo. Come confermato da recenti studi universitari, la pratica costante di attività sportive e un bicchiere di buon vino a pasto aiuta un fisico sano a rinforzare il sistema cardiocircolatorio, per cui sport e vino, nella giusta misura, costituiscono un binomio perfetto.

Serena Trolla, Responsabile delle Relazioni esterne, dell’accoglienza e della Segreteria organizzativa dell’Azienda Agricola Terzini (Foto: Terzini)

Altra figura importante in azienda è la sommelier di fiducia (terzo livello AIS) Serena Trolla, aquilana classe 1985, laureata in Mediazione Linguistica e Comunicazione Interculturale e grande appassionata di vino, musica e amici. A lei è affidato il ruolo di Responsabile delle relazioni esterne, dell’accoglienza e della segreteria organizzativa. Onestà e trasparenza, ambizione, attenzione ai bisogni di chi la circonda e lavoro di squadra sono i valori in cui crede; instaurare un rapporto di fiducia con la clientela e con i propri collaboratori la sua mission aziendale.

La cura delle uve è affidata all’esperienza di tecnici enologi (su tutti Vittorio Festa)  e agronomi che ne seguono tutto il ciclo vitale, dalla vigna all’imbottigliamento, in modo da conservare i caratteri originali dei vigneti di proprietà, vero tesoro dell’azienda di famiglia. Domenico e Roberto sono fermamente convinti che un vino di qualità si lavora sia in vigna che in cantina, due luoghi in cui la cura e il controllo dell’intera filiera necessita di continuità, in primis dalla pulizia e dalla prevenzione nei trattamenti necessari, fino alle tecniche più adeguate di vinificazione ed affinamento. La cartina di tornasole dell’eccellente lavoro eseguito con tali accortezze e procedure non può essere altro che il gradimento del pubblico e dei clienti più affezionati.

L’area della cantina dove avviene la fermentazione delle uve e che ospita i silos d’acciaio più grandi

Nei vini dell’Azienda Agricola Terzini si ritrovano i sentori forti di una natura esuberante e le differenti peculiarità, provenienti dal vitigno e dalla sua sottozona, sono interpretati con quel carattere deciso che richiama le speziature tipiche dei luoghi dove la famiglia Terzini vive e la cui passione vera verso la natura è un elemento imprescindibile.

L’area della cantina che ospita altre tipologie di silos d’acciaio

L’eccellenza dei vini è garantita anche dalle tecnologie utilizzate che danno quel plus ottenuto dall’utilizzo di serbatoi a temperatura termo-controllata, dalla lavorazione in iper-riduzione grazie a macchinari per pressatura e pompa in assenza di ossigeno, dall’utilizzo di ghiaccio secco: tutti fattori che permettono di ottenere un prodotto superiore agli standard qualitativi.

I primi vini in purezza, a Denominazione di Origine Protetta, sono stati Montepulciano d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo e Cerasuolo d’Abruzzo della ‘Linea Terzini’, prodotti nel 2009 con un incoraggiante successo a livello regionale che, anno dopo anno, si è allargato a livello nazionale ed internazionale, ricevendo i primi riconoscimenti da parte della critica enologica. Importanti e stimolanti risultati che hanno spinto la famiglia Terzini ad ampliare l’azienda e a creare delle nuove linee: ‘Eolikon’, realizzata con vini a Indicazione Geografica Protetta (IGP) nella versione Rossa e Bianca; ‘Spumanti’ con una qualità Brut e una Rosè e ‘Capotavola’ (confezioni Bag-in-Box) Rosso, Bianco e Rosè. Queste quattro linee, insieme alla Riserva Montepulciano d’Abruzzo Doc ‘Vigna Vetum’, rientrano nella ‘Linea Classica’ che si differenzia da quella ‘Speciale Terzini’, realizzata con Montepulciano d’Abruzzo Dop, Cerasuolo d’Abruzzo Dop e Pecorino Abruzzo Dop.

Particolare dell’area della cantina che ospita le botti per l’invecchiamento delle uve (Foto: Terzini)

L’estensione della superfice vitata aziendale (sistema a Pergola Abruzzese) è così passata dai 6 ettari del 2009 agli oltre 22 di oggi e, a dimostrazione della formula vincente e del consenso ottenuto anche al di fuori dei confini regionali e nazionali, l’Azienda Agricola Terzini ha iniziato ad ottenere prestigiosi premi, il primo dei quali è la ‘Gran Medaglia d’Oro’ assegnata al Montepulciano d’Abruzzo Dop 2011 in occasione della 20ma edizione del Concorso Enologico Internazionale del Vinitaly 2012 a Verona.

 Focus su ciascuna etichetta delle varie Linee dei Vini Terzini:

 LINEE CLASSICHE TERZINI

(‘Vigna Vetum’, ‘Linea Terzini’, ‘Linea Eolikon’, ‘Linea Spumanti Terzini’)

 ‘VIGNA VETUM’

Premi: Secondo Miglior Vino Rosso (97/100) nell’ ‘Annuario dei Migliori Vini d’Italia’ di Luca Maroni; Medaglia di Bronzo ai ‘Decanter World Wine Awards’ di Londra 2016; Medaglia d’Oro al ‘Mundus Vini’ di Dusseldorf 2016; Doppia Medaglia d’Oro ai ‘China Wine Spirits Awards’ 2016

‘Vecchia Vigna’ nasce dalle bacche di alcuni vigneti situati nelle zone interne della vallata che contraddistingue il territorio Casauriense, vigneti che sono la testimonianza di oltre 30 anni di storia di questo vino che si distingue per le sue speziature uniche ed importanti racchiuse in una preziosa bottiglia. Vitigno Montepulciano d’Abruzzo 100%. Vendemmia durante i primi giorni di ottobre con un’attenta scelta visiva dei grappoli raccolti a mano e trasportati in cantina con cassette di legno da 15kg. Vinificazione tramite pigiatura soffice delle uve, macerazione prolungata per almeno 20 giorni in piccoli vinificatori d’acciaio, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio. Affinamento 12 mesi in serbatoi d’acciaio più 12 mesi in barriques con successivo riposo di 4 mesi in bottiglia. Grado alcolico 14,5%

LINEA TERZINI

(‘Montepulciano d’Abruzzo Dop’; ‘Cerasuolo d’Abruzzo Dop’; ‘Abruzzo Pecorino Dop’; ‘Trebbiano d’Abruzzo Dop’)

 ‘Montepulciano d’Abruzzo Dop’

Premi: Medaglia d’Oro ‘Mundus Vini’ a Dusseldorf 2016; Medaglia d’Oro ai ‘China Wine Spirits Awards’ 2016; Premio Oscar ‘Douja D’Or’ 2013; Gran Medaglia d’Oro al 20mo ‘Concorso Enologico Internazionale’ Vinitaly 2012

Vitigno Montepulciano d’Abruzzo 100%. Vendemmia durante gli ultimi giorni di settembre, primi di ottobre con raccolta manuale delle uve accuratamente selezionate e trasportate in cantina in cassette di legno da 15kg. Vinificazione tramite pigiatura soffice delle uve, macerazione prolungata per almeno 20 giorni in piccoli vinificatori d’acciaio, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio. Affinamento 12 mesi in serbatoi d’acciaio più 6 mesi in tonneau. Grado alcolico 14%

‘Cerasuolo d’Abruzzo Dop’

Premi: Gold Medal al ‘Pink Festival’ 2017 di Cannes; Medaglia d’Oro ai ‘China Wine & Spirits Awards’ 2014; Gran Menzione Vinitaly 2014

Roberto Terzini (secondo da dx) insieme al famoso enologo abruzzese Vittorio Festa (terzo da dx) sul palco del ‘Pink Festival’ di Cannes, dove la sera del 16 febbraio scorso ha ricevuto la Medaglia d’Oro 2017 per il ‘Cerasuolo d’Abruzzo Dop’ Terzini (Foto: Terzini)


Vitigno Montepulciano d’Abruzzo 100%. Vendemmia durante gli ultimi giorni di settembre, primi di ottobre con raccolta manuale delle uve accuratamente selezionate e trasportate in cantina in cassette di legno da 15kg. Vinificazione tramite pigiatura soffice delle uve, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio. Affinamento in serbatoi d’acciaio. Grado alcolico 14%

 ‘Abruzzo Pecorino Dop’

Premi: Medaglia d’Argento al ‘Concours Mondial de Bruxelles’ 2017 e ai ‘Decanter World Wine Awards’ London 2017; ‘Five Stars Wine’ ai ‘The New Vinitaly International Wine Awards’ 2016; Medaglia di Bronzo ai ‘Decanter World Wine Awards’ 2016 e all’ ‘International Wine Challenge London’ 2016; Medaglia d’Oro ai ‘China Wine & Spirits Awards’ 2015

Vitigno Pecorino 100%. Vendemmia durante gli ultimi giorni d’agosto, con raccolta manuale dei grappoli, selezione accurata delle uve trasportate in cantina in cassette di legno da 15kg. Vinificazione tramite soffice pigiatura delle uve, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio, affinamento in serbatoi d’acciaio. Grado alcolico 13,5%

 ‘Trebbiano d’Abruzzo Dop’

Premi: Premio Oscar ‘Douja d’Or’ 2013 e Diploma di Gran Menzione al 1° Concorso Internazionale ‘Vini da Pesce’ 2012

Vitigno Trebbiano 100%. Vendemmia durante le prime due settimane di settembre con raccolta manuale dei grappoli e accurata selezione delle uve trasportate in cantina in cassette di legno da 15kg. Vinificazione tramite soffice pigiatura delle uve, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio, affinamento in serbatoi d’acciaio. Grado alcolico 13%

 LINEA SPUMANTI

Due Spumanti (Vino Spumante Brut e Vino Spumante Brut Rosè) di qualità ottenuti con il metodo Charmat-Martinotti e prodotti con la filiera corta, utilizzando le proprie uve e affinati in cantina per 4/6 mesi sulle fecce nobili in autoclave.

‘Vino Spumante Brut’

Vitigni: Trebbiano 60% e Cococciola 40%. Vendemmia durante le prime due settimane di settembre con raccolta manuale dei grappoli, vinificazione tramite soffice pigiatura delle uve, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio. Presa di spuma in autoclave con affinamento. Grado alcolico 12,5%

‘Vino Spumante Brut Rosè’

Vitigno Montepulciano 100%. Vendemmia durante le ultime due settimane di settembre, vinificazione tramite soffice pigiatura delle uve, fermentazione a temperatura controllata in serbatoi d’acciaio. Presa di spuma in autoclave con affinamento. Grado alcolico 12,5%

LINEA SPECIALE TERZINI

Montepulciano d’Abruzzo Dop, Cerasuolo d’Abruzzo Dop, Abruzzo Pecorino Dop

La Linea Speciale è stata pensata per un target giovane che non vuole rinunciare alla qualità. Come tutti i vini Terzini , anche questa linea è prodotta dai vigneti di proprietà coltivati alle pendici del Monte Morrone in un microclima ideale.

 ‘Montepulciano d’Abruzzo Dop’ Speciale Terzini

Vitigno Montepulciano 100%. Vendemmia durante la prima decade di ottobre, vinificazione in rosso tramite soffice pigiatura delle uve e prolungata macerazione delle bucce in vinificatori a temperatura controllata. Maturazione e affinamento in acciaio inox, 6 mesi in botte grande e successivo affinamento per 3 mesi in bottiglia. Grado alcolico 14% 

‘Cerasuolo d’Abruzzo Dop’ Speciale Terzini

Vitigno Montepulciano 100%. Vendemmia durante la prima decade di ottobre, vinificazione tramite fermentazione in serbatoi inox termocondizionati, affinamento in serbatoi inox. Grado alcolico 14%

‘Abruzzo Pecorino Dop’ Speciale Terzini

Vitigno Pecorino 100%. Vendemmia durante la prima decade di settembre, vinificazione tramite soffice pressatura delle uve e successiva fermentazione del mosto limpido in piccoli serbatoi a temperatura controllata. Affinamento in acciaio, 4 mesi di permanenza con le fecce. Grado alcolico 13,5%

Lo scorso 25 aprile la Cantina Terzini ha organizzato un Open Day in collaborazione con Slow Food Pescara Condotta Vestina (fiduciario il signor Tommaso Di Giacomo) dedicato a tutti i suoi wine-lovers più affezionati, un’ottima occasione per degustare gli ottimi vini aziendali insieme a prelibatezze del territorio Casauriense a km0 e annunciare l’interessantissimo progetto di una nuova Cantina che verrà realizzata il prossimo anno, con annesso un ristorante e dove si terranno anche dei corsi formativi per aspiranti sommelier. Visione imprenditoriale!

 

Un antico torchio per la spremitura delle uve, in bella mostra tra i due piccoli vigneti che impreziosiscono la sede dell’Azienda Terzini (Foto: Angelo Foti)
I signori Aldo Terzini, Claudio Darchivio, Roberto Terzini, le signore Domenica e Esperanza Aparecida (mogli rispettivamente dei signori Claudio e Aldo), Domenico Terzini di fronte ad una distesa di calici pronti ad accogliere le eccellenze enologiche di casa Terzini (Foto: Angelo Foti)
I fratelli Roberto e Domenico Terzini insieme al signor Tommaso Di Giacomo (Fiduciario Slow Food Pescara – Condotta Vestina) mentre illustrano il progetto della nuova cantina ai partecipanti all’evento ‘Terzini Wine Lovers’ del 25 aprile scorso (Foto: Angelo Foti)
Particolare del buffet offerto in occasione dell’evento ‘Terzini Wine Lovers’
I vini e l’olio extravergine d’oliva Terzini hanno accompagnato l’abbinamento con specialità territoriali a km0
‘Porchetta di Colledara’, specialità abruzzese
Particolare goloso della ‘Porchetta di Colledara’ (Foto: Angelo Foti)

L’Azienda Agricola Terzini è produttrice anche di un’eccezionale Olio Extravergine d’Oliva (venduto in formati da 25cl, 50cl e 75cl) ottenuto con olive provenienti da uliveti di proprietà situati nel territorio di Tocco da Casauria e costituiti da cultivar ‘Toccolana’ (sinonimo di finezza e delicatezza) e da cultivar ‘Dritta’. Viene estratto in zona con il metodo continuo a freddo che favorisce l’estrazione di oli fruttati e profumati. L’equilibrio tra clima, suolo, cultivar e intervento dell’uomo garantisce la produzione di un olio qualitativamente elevato, con un’acidità inferiore all’1% e un’ottima composizione di acidi grassi che tende a mantenere stabili i livelli del colesterolo ‘buono’. L’Olio Extravergine d’Oliva Terzini è anche ricco di sostanze polifenoliche con capacità antiossidante e di vitamina E in grado di contrastare i radicali liberi, per cui può essere considerato alla stregua di un alimento medicinale.

Az. Agricola Terzini

Via Roma 52

65028 Tocco da Casauria (PE)

Tel. e Fax +39 085.9158147

info@cantinaterzini.it

www.cantinaterzini.it

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO