CONDIVIDI

Il Vino Nobile di Montepulciano “Carpineto” tra le Top 100 etichette 2017 (in realtà 104) al mondo nella prestigiosa classifica di Wine Spectator, uno dei più influenti Magazine di settore, appena uscita e che ha premiato 18 etichette italiane. L’azienda toscana presenta un vino che è una vera icona poiché è l’unica a produrlo in versione Riserva e sarà protagonista durante “Opera Wine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers” al prossimo Vinitaly di Verona l’8 aprile 2017: i migliori 100 produttori italiani saranno i protagonisti con altrettanti eccellenti vini all’interno del Palazzo della Gran Guardia, dove da sei anni a questa parte il Forum “Wine2Wine” fa da palcoscenico ai magnifici 100.

Rispetto allo scorso anno escono dalla classifica alcuni nomi di grido, come quello del cantante Sting (da anni di casa in Toscana), ma anche l’anno prossimo al Vinitaly troveremo ancora una volta “Carpineto Grandi Vini di Toscana” con il Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2011.

rid-carpineto-vino-nobile-montepulciano-riserva-2010

“Un vino fine, elegante ed armonioso dai seducenti aromi di ciliegio dolce, cuoio, spezie e sottobosco, con un accenno di quercia sul finale che suggerisce che ha ancora il tempo di evolvere. Si può bere fino al 2024”, scrivevano i commissari di Wine Spectator lo scorso anno, recensendolo per la classifica Top 100 2016, dal 1988 la più attesa nel mondo vitivinicolo. Nella Top 100 2017 “Carpineto” si piazza specificamente al 76° posto.

Per l’Italia sono 18 le etichette presenti, di cui 10 solo dalla Toscana che s’impone su tutte e anche con un bel distacco, considerando che il Piemonte è la seconda regione con 3 etichette; in tutti i modi restano le due uniche regioni che hanno sempre dominato la classifica sin dal suo primo anno ma i toscani sono stati più bravi perché dalle origini hanno confermato una presenza ben distribuita tra diversi terroir e tipologie.

logo-ufficiale-azienda

“Carpineto” Grandi Vini di Toscana possiede 5 tenute nei territori di Montepulciano, Montalcino, Gaville (Alto Valdarno), Dudda (Greve in Chianti) e Gavorrano, coltivate in maniera sostenibile e neutrale all’impronta del carbonio ed estese su 500 kilometri per un totale di 200 ettari (estensione decuplicata poiché erano solo 20 nel 1967). E’ una delle poche a vantare sia tenute e cantine nei territori più vocati, che vini delle denominazioni più importanti: Chianti Classico, Brunello di Montalcino, Vino Nobile di Montepulciano e Maremma. Proprio nella Tenuta di Montepulciano insiste il vigneto ad alta densità più vasto d’Italia, con un’estensione di ben 65 ettari.

rid-rid-giovanni-sacchet-e-antonio-zaccheo-2
I due soci fondatori

L’azienda fu fondata nel 1967 da Giovanni Carlo Sacchet e Antonio Mario Zaccheo, i quali si proposero di produrre il miglior Chianti Classico che il terroir potesse offrire, il che era una vera rivoluzione per quei tempi. I due soci videro nella Toscana un enorme potenziale dove poter produrre grandi vini di tradizione applicando le tecniche più all’avanguardia nei processi produttivi e aumentando gli standard qualitativi dell’epoca. Innovatori per vocazione, Sacchet e Zaccheo, insieme alle nuove generazioni (Caterina Sacchet, enologa, Elisabetta Sacchet, Francesca Zaccheo e Antonio Michael Zaccheo) continuano a sperimentare, nel rispetto dei grandi valori storici della Toscana e di una qualità mantenuta su standard molto elevati, con l’obiettivo di tutelare non solo le caratteristiche dei vini ma anche l’ambiente.

Negli anni la “Carpineto”, mantenendo un preciso assetto familiare, è cresciuta costantemente fino a diventare un brand dal successo internazionale e affermandosi per l’eccellenza dei suoi prodotti in ottime posizioni all’estero, con un export diretto verso oltre 70 paesi, Stati Uniti e Canada in testa. Tre le linee produttive e oltre trenta le etichette per una produzione complessiva di tre milioni di bottiglie, la maggior parte della quale è data dai vini delle più prestigiose DOCG toscane, caratterizzate per lo più da Riserve di vini rossi longevi, di grande struttura ed estratto.

Nata 50 anni fa dalla scommessa sui grandi territori vinicoli della Toscana e dal sogno di mettere insieme le tre denominazioni più importanti della regione (Chianti Classico, Vino Nobile di Montepulciano e Brunello di Montalcino), oggi è una realtà fortemente rappresentativa della migliore Toscana vitivinicola. Carisma, stile, grande continuità qualità dei vini e prestigiosi riconoscimenti internazionali da scoprire sul territorio, direttamente nei vigneti.

www.carpineto.com

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO