Coinvolte oltre 300 Indicazioni Geografiche per un fatturato stimato alla produzione di oltre 30 miliardi di euro

Un’organizzazione europea di circa 300 Indicazioni Geografiche per un fatturato alla produzione di oltre 30 miliardi di euro: si presenta così OriGIn UE, il progetto che lo scorso 21 marzo è stato illustrato a Bruxelles nella sede del Parlamento Europeo dal Vicepresidente della Commissione Agricoltura Paolo De Castro e del membro della stessa Commissione Michel Dantin, oltre che dal Presidente di OriGIN Claude Vermot-Desroches e del Direttore Massimo Vittori. Tra i membri fondatori di OriGIn EU e del consiglio c’è anche AICIG, Associazione dei Consorzi di Tutela che rappresenta circa il 95% delle produzioni italiane ad Indicazione Geografica.

“Lo scopo di OriGIn EU è quello di presidiare l’evoluzione dei negoziati bilaterali di libero scambio della UE per aiutare i consorzi europei a rafforzare il dialogo con le istituzioni – ha spiegato il Presidente di AICIG Cesare Baldrighi – al fine di migliorarne le clausole e chiedere una maggiore partecipazione al negoziato. Come Associazione Italiana dei Consorzi Indicazioni Geografiche cercheremo di fare la nostra parte – assicurando il riferimento all’autorità nazionale competente MIPAAF – mettendo a disposizione le specifiche esperienze dei Consorzi di Tutela affinchè questo coinvolgimento del sistema delle DOP e IGP sia il più fattivo possibile”.

Il sistema europeo di tutela rinforzata per le Denominazioni di Origine nasce nei primi anni novanta, in coincidenza con l’apertura dei mercati globali. Una coincidenza di date importante perché segnala che la COMUNITA’ EUROPEA ha voluto fin da subito tutelare il suo patrimonio agroalimentare per bilanciare l’apertura della concorrenza mondiale.

Il Meeting OriGIn EU a Bruxelles (Foto: AICIG)

“A distanza di vent’anni –  ha affermato Paolo De Castro, vicepresidente della Commissione Agricoltura dell’Europarlamento che ha ospitato la presentazione di OriGIn Europa – la Commissione Europea considera il riconoscimento del sistema delle DOP e delle IGP come un elemento centrale degli accordi commerciali, in quanto importanti fattori per lo sviluppo economico e produttivo. I trattati internazionali sono importanti per la tutela delle denominazioni fuori dai confini comunitari, ma lo è anche il coinvolgimento dei Consorzi di Tutela durante le negoziazioni di tali accordi. Non è possibile escludere i diretti interessati: i consorzi devono essere consultati perché sia possibile raggiungere, quando non si riesce ad ottenere il pieno riconoscimento, il miglior compromesso possibile. Grazie alla costituzione di OriGIn EU sarà possibile far gioco di squadra a livello comunitario per difendere ed incentivare la qualità dei nostri prodotti”.

Le priorità di OriGIn EU per il biennio 2018-2019 saranno principalmente, oltre agli accordi bilaterali e plurilaterali dell’UE riguardanti le IG, la semplificazione delle procedure con riduzione dei ritardi e armonizzazione delle regole di protezione, la difesa verso gruppi di IG al fine di farne valere i diritti nell’UE, compresa l’applicazione della protezione d’ufficio negli Stati membri, il rifiuto delle domande di registrazione di marchi in conflitto con le IG e la lotta alla contraffazione a livello doganale, nonché il sostegno agli accordi firmati dalle autorità nazionali con le piattaforme di e-commerce per proteggere le IG sul web.

Rientra tra gli obiettivi del biennio 2018-2019 anche l’interpretazione dei regolamenti UE sulle IG in merito alle infrazioni e una lettura più uniforme della legge a livello europeo per la risoluzione di controversie, la protezione per le Indicazioni Geografiche di prodotti non agricoli, il sostegno ai propri membri per rispondere efficientemente alle sfide della sostenibilità economica, sociale e ambientale, nonché la promozione e la fornitura di informazioni relative ai prodotti agricoli nel mercato interno e tra i Paesi terzi con l’obiettivo di diventare una piattaforma di incontro e scambio per gruppi di IG di diversi Paesi UE interessati a lanciare campagne promozionali congiunte, soprattutto nei Paesi terzi.